Spread the love

Due donna di circa 30 e 40 anni manifestavano sintomi di ipersensibilità elettromagnetica (Ehs) quando si esponevano ai campi prodotti dai telefoni cellulari, dai dispositivi wireless e da qualsiasi altro apparecchio elettronico (spesso avevano emicrania, spasmi muscolari e talvolta difficoltà a concentrarsi). Secondo una stima del 2013, in Italia sarebbero 650 mila le persone affette da elettrosensibilità, nella maggior parte sono i bambini e le donne ad essere i più vulnerabili alle onde elettromagnetiche. Questa ipersensibilità può comportare sintomi più o meno gravi, a seconda delle persone.

Ho consigliato ad entrambe di utilizzare l’estratto di ortica ed equiseto e le essenze floreali australiane Crowea, Paw Paw, Fringet Violet e Mulla Mulla. Entrambe mi hanno poi raccontato che grazie all’utilizzo di questi rimedi ora riescono a tollerare l’esposizione ai campi elettromagnetici.